Back to Ivrea Home
Notizie

Exit//End of Year Show 2005
Comunicato stampaFoto
Salone del Mobile 2005
Strangely Familiar Future

Notizie

Comunicato stampa
Touch Me
Tecno e Interaction Ivrea

English Version

Informazioni e Contatti
Mailing List
Ricerca
Mappa del Sito
Nota Informativa
INFORMAZIONI SU...CHI SIAMOPIANI DI STUDIOAREE DI RICERCAGALLERYNOTIZIE SU DI NOI
Notizie su di Noi

STAMPA
Comunicati Stampa
2005
  Next 2005
  Festival della Scienza, Genova
  Venezia Biennale
  Exit//End of Year Show 2005
  Touch Me
  Tecno and Interaction Ivrea
  Strangely Familiar Future
  The greenhouse effect
  Premio Signes
  CICCIO in volo sulla Toscana
  Interaction-Ivrea alumni
  Strangely Familiar
  Cloud a Pitti Immagine Uomo, Firenze
2004
2003
2002
2001
2000 (ing.)
Rassegna Stampa
Interviste
Articoli
Foto
Video

comunicato stampa
16 maggio 2005

Touch Me

Design and Sensation
16 Giugno – 29 Agosto 2005
Una mostra V&A e Wellcome Trust
Victoria e Albert Museum
Cromwell Road
Londra

Victoria and Albert Museum di Londra ha invitato Interaction Design Institute Ivrea a partecipare a "Touch Me", una mostra che dal 16 giugno al 29 agosto 2005 esplora i piaceri e le sensazioni del tatto prendendo spunto dal design quotidiano e da quello che ci riserva il futuro.

Interaction-Ivrea presenterà cinque installazioni, nelle quali si esploreranno possibili scenari futuristici di come ambienti e prodotti interattivi possono migliorare la nostra esperienza tattile. Partendo da Tune Me, una struttura elittica nella quali si possono ascoltare frequenze radio in un ambiente che cambia continuamente luce, atmosfera e stimoli visivi fino a Message Table, una scrivania che funge da segreteria telefonica. I progetti prodotti da Interaction Ivrea mostrano una visione affascinante del design che fonde elementi di gioco, funzionalità, forma e tecnologia.

Touch Me include lavori di varie designers e stilisti internazionali tra i quali Hella Jongerius, IDEO, Karim Rashid, Marcel Wanders, Matali Crasset, Paul Cocksedge, Gitta Gschwendtner, Tokujin Yoshioka, Naomi Filmer and Shelley Fox. La mostra include anche degli esempi di progettazione innovativo da parte del Royal College of Art, Central Saint Martins e MIT Medialab.

Touch Me esplora gli aspetti sociali, scientifici, emotivi e personali di come ci relazioniamo tramite il tatto e solleva una serie di domande sul futuro. Viviamo in una società che evita il contatto fisico? Può una simulazione virtuale del contatto fisico sostituire quello vero? Che cosa stanno facendo i designer per migliorare la qualità di come tocchiamo ed usiamo prodotti d’ogni genere? Può il nostro senso del tatto aiutarci a sviluppare dei rapporti sociali più forti emotivamente con gli altri?

Le istallazioni di Interaction Design Institute Ivrea sono state curate da Line Ulrika Christiansen.
Touch Me è curata Hugh Aldersey-Williams e Lauren Parker.
Lauren Parker è la curatrice dei programmi contemporanei al V&A, ed è specializzata in new media ed audio. Ha curato diverse mostre tra cui la prima audio del V&A, intitolata ‘Shhhhh..’ (2004). E’ l’autrice di Interplay: Interactive Design (V&A Publication, 2004).
Hugh Aldersey-Williams è uno scrittore freelance e un curatore specializzato in scienza, design ed architettura. Ha curato Zoomorphic: New Animal Architecture al V&A nel 2003. Il suo libro più recente è Findings: Hidden Stories in First-hand Accounts of Scientific Discovery.

Lista dei progetti di Interaction-Ivrea

Collabolla
Designers: Jennifer Bove, Simone Pia e Nathan Waterhouse
Prototipi: Edoardo Brambilla
Consulente per l’elettronica: Massimo Banzi
StudioApe: Gianluca Alessio e Francesco Zannier

Collabolla è il primo videogame dove bisogna sedersi a cavalcioni su una grossa palla gonfiabile (simile alle palle ‘Spacehoppers’ popolari negli anni 70) per mandare dei comandi al computer tramite movimenti corporeei. Un’altra novità è che non si gioca uno contro l’altro, ma ci si deve coordinare e unire le forze per combattere il nemico comune. Ecco perchè si chiama ‘Collabolla’, esprimendo uno spirito di collaborazione piuttosto che di competizione.

Message Table
Designers: Shawn Bonkowski e Dana Gordon
Design advisors: Massimo Banzi, Dario Buzzini, Heather Martin, Yaniv Steiner and Reto Wettach.
Prototipi: Edoardo Brambilla
Elettronica: Massimo Banzi, Gianluca Martino, Yaniv Steiner
Video: Simone Muscolino

Message Table è un tavolo interattivo: una scrivania che funziona anche come segreteria telefonica, e che può ricevere, riprodurre e archiviare messaggi telefonici. Ogni volta che viene registrato un messaggio, dalla scrivania emerge lentamente una scatola. Quando ritorni a casa controlli velocemente la superficie del tavolo per vedere quanti messaggi hai ricevuto. I messaggi si possono ascoltare aprendo il coperchio della scatola. Per cancellare i messaggi, si preme la scatola dentro la scrivania.

SonicTexting
Designer: Michal Rinott
Prototipi: Edoardo Brambilla
Elettronica: Massimo Banzi e Yaniv Steiner
StudioApe: Gianluca Alessio e Francesco Zannier

SonicTexting è una maniera di scrivere testo- ‘texting’- usando il tatto e il suono. Similmente agli strumenti musicali e oggetti meccanici quotidiani, il suono in SonicTexting è sincronizzato e reagisce alle gestualità del corpo. La proposta di SonicTexting è quella che tramite il tatto e il suono, l’interagire con oggetti digitali può diventare un’esperienza a cavallo tra l’azione funzionale, lo strumento musicale e il gioco.

Sfera
Designers: Hayat Benchenaa e Garikoitz Iruretagoiena
Design advisors: Massimo Banzi, Dario Buzzini, Heather Martin, Yaniv Steiner and Reto Wettach.
Prototipi: Edoardo Brambilla
Elettronica: Massimo Banzi, Gianluca Martino, Yaniv Steiner
Video: Hayat Benchenaa, Garikoitz Iruretagoiena e Simone Muscolino

Sfera è una sveglia sospesa sopra il letto che ti costringe fisicamente ad alzarti facendoti scendere dal letto. Una volta caricata, la luce e la musica di Sfera si smorzano dolcemente mentre tu ti addormenti. Quando alla mattina la sveglia suona, l’unica maniera per interrompere il suono persistente è quello di toccare gentilmente la Sfera. Quest’azione innesca la funzione ‘snooze’, ma porta anche la Sfera a sollevarsi verso il soffitto. Ogni volta che vuoi guadagnare altri dieci minuti di ‘snooze’ devi per forza allungarti verso l’alto. Quando ormai la Sfera ha raggiunto il soffitto, non hai altra scelta che quella di alzarti e trascinarla di nuovo verso il letto – un’azione che in effetti spegne la sveglia e ti costringe a scendere dal letto.

Tune Me
Designers: Line Ulrika Christiansen, Stefano Mirti e Stefano Testa (con Daniele Mancini and Francesca Sassaroli)
StudioApe: Gianluca Alessio e Francesco Zannier
Soundscapes: Raphael Monzini
Elettronica: Massimo Banzi

Tune Me è una radio concettuale con delle caratteristiche tattili. Il suono (e la parte visiva) è stimolato da una serie di interafacce facili al tatto. I visitatori possono entrare nella struttura a forma di elisse ed immergersi in un nuovo mondo dove si possono ascoltare frequenze radio. In questo senso, Tune Me rappresenta una radio- ambiente del futuro. Oltre al suono, ogni canale scaturisce effetti di luce, pulsazioni e vibrazioni. Quando si seleziona uno dei canali radiofonici,la struttura dello spazio cambia, definendo varie atmosfere a seconda della natura dei contenuti. Notizie, sport, musica classica e pop internazionale. Ognuno di questi crea un’esperienza visiva specifica, lo spazio vibra, creando delle pulsazioni ed interagendo con i visitatori.  
Ufficio Stampa:

Per Interaction-Ivrea Sara Manuelli
[email protected]
0125 422 148
335 1035604
www.interaction-ivrea.it

Per V&A Helen Beeckmans
[email protected]
020 7942 2503


Touch Me
vedi foto