Back to Ivrea Home
Notizie

Exit//End of Year Show 2005
Comunicato stampaFoto
Salone del Mobile 2005
Strangely Familiar Future

Notizie

Comunicato stampa
Touch Me
Tecno e Interaction Ivrea

English Version

Informazioni e Contatti
Mailing List
Ricerca
Mappa del Sito
Nota Informativa
INFORMAZIONI SU...CHI SIAMOPIANI DI STUDIOAREE DI RICERCAGALLERYNOTIZIE SU DI NOI
Notizie su di Noi

STAMPA
Comunicati Stampa
2005
  Next 2005
  Festival della Scienza, Genova
  Venezia Biennale
  Exit//End of Year Show 2005
  Touch Me
  Tecno and Interaction Ivrea
  Strangely Familiar Future
  The greenhouse effect
  Premio Signes
  CICCIO in volo sulla Toscana
  Interaction-Ivrea alumni
  Strangely Familiar
  Cloud a Pitti Immagine Uomo, Firenze
2004
2003
2002
2001
2000 (ing.)
Rassegna Stampa
Interviste
Articoli
Foto
Video

comunicato stampa
1 giugno 2005

Exit//End of Year Show 2005

Via Porta Palatina 15, Torino

Venerdì 10 Giugno dalle 11.00 alle 18.00
Anteprima stampa dalle 15.00 alle 18.00
Aperitivo dalle 18.00 alle 21.00
Sabato 11 Giugno apertura al pubblico dalle 11.00 alle 17.00

 
Venerdì 10 Giugno, Interaction Design Institute Ivrea presenterà Exit, 19 progetti che rappresentano il meglio degli scenari futuristici della disciplina dell’interaction design. Volutamente ambientato negli spazi vasti ed essenziali di un parcheggio a Torino, Exit vuole celebrare, mostrare e salutare il lavoro di tutti quegli studenti provenienti da oltre dieci paesi del mondo che hanno scelto di venire a studiare ad Ivrea.

Nel loro ultimo anno, gli studenti di Interaction-Ivrea hanno creato una serie di progetti che dimostrano ancora una volta la natura interdisciplinare ed investigativa del Master in interaction design. Prendendo spunto da campi diversi quali l’audio design, il product design, la tecnologia mobile e wireless, la moda, il cinema, lo sport, la graphic design e persino il teatro, ciascuno dei diciannove studenti ha progettato dei prototipi visionari eppure funzionanti come loro tesi di laurea finale. Partendo da uno spazzolino che suona la tua musica preferita quando spazzoli i denti correttamente ad un’interfaccia grafica elaboratamente decorata con dei fiori che simboleggia la salute dei tuoi rapporti personali; da un sistema digitale indossabile per scalatori di montagna fino ad una serie di prodotti che possono soddisfare le compulsioni di coloro che soffrono di ossessioni compulsive, questi sono solo alcuni dei progetti in mostra. Non solo quindi nuova tecnologia, ma anche idee e prototipi funzionanti che trattano temi sociali, culturali e psicologici.

Ad Exit ci sarà anche occasione di vedere i video dei lavori di alcuni studenti del primo anno, progetti che sono stati già mostrati con successo ad eventi quali il Salone del Mobile di quest’anno.

Interaction Design Institute Ivrea

L’Interaction Design Institute Ivrea è un’associazione indipendente fondata da Telecom Italia e Olivetti, oggi parte del Progetto Italia di Telecom. L’Istituto è uno dei migliori esempi dell’impegno di Telecom Italia nell’ambito della formazione d’eccellenza. L'Istituto infatti si propone come un centro culturale che promuove l'approfondimento e la diffusione del sapere nel settore dell'interaction design, attraverso il Master biennale e l'elaborazione di innovation projects sia autonomi che in partnership con aziende italiane ed estere. La cultura dell'interaction design è nata originariamente in California, nella Silicon Valley e da qui si diffonde, collegandosi al patrimonio culturale italiano nel contesto europeo, interpretandone tendenze attuali del design, dell'innovazione e dello stile di vita. Il risultato di questo processo diviene una fusione in cui emergono i tratti tipicamente italiani di studi di design per prodotti e servizi di comunicazione.

www.interaction-ivrea.it

LISTA PROGETTI

The Social Fabric
By Steven Blyth
Thesis advisors Neil Churcher with Jan-Christoph Zoels

Social Fabric vuole essere una visualizzazione del tuo mondo sociale, rappresentato come un’immagine singola sul tuo cellulare. Non vuole essere una sostituzione della tua agendina ma ti vuole tenere informato in maniera discreta sullo stato generale dei toui rapporti personali, quali stanno migliorando e quali stai trascurando.

Actively Mobile
Di Jennifer Bove
Thesis advisors Neil Churcher with Heather Martin

Actively mobile è un disco sottile che gli sportivi possono indossare sul polso, sul braccio o sul fianco –o dove più comodo. Integra funzioni al momento disponibili solo su oggetti separati, offre una varietà di risorse ed accesso a vari servizi, utili in particolare agli sportivi che praticano la corsa; un monitor che misura il battito cardiaco, un localizzatore GPS ed un sistema per controllare tempo e velocità.

Light Appliances
By Giovanni Cannata
Thesis advisors Heather Martin with Massimo Banzi

Light Appliances è un sistema di elettrodomestici di facile utilizzo e privi di bottoni che permette a persone che non usano il pc di accedere ai servizi offerti via internet. Tramite questo sistema si può sperimentare in modo nuovo e intuitivo servizi quali e-mail, telefonia internet, radio web e altri. Per esempio, tramite un telecomando speciale, l’utente può effettuare delle chiamate trascinando un contatto da un porta foto digitale ad una cornetta, oppure può inviare e-mail scritte a mano con semplici carta e penna trascinando il contatto nella cassetta delle lettere.

Family Scrapboook
By Andreea Chelaru
Thesis advisors Ralph Ammer with Neil Churcher

Family scrapbook è sia un’applicazione che un servizio che permette ai membri di una stessa famiglia che vivono lontano l’uno dall’altro di condividere attimi della loro vita quotidiana e di mantenere un rapporto intimo tra di loro. Si possono inviare vari media digitali (immagini, messaggi) che i destinatari riceveranno immediatamente, restaurando così i loro rapporti quotidiani.

String Thing
Di Benjamin Dove
Thesis Advisors Ralph Ammer with Massimo Banzi

String Thing è uno strumento elettronico simile al violoncello che può essere suonato accarezzando o picchiando le corde di metallo con le mani. L’uso di gesti corporei, infinitamente variabili e visibili al pubblico, fa si che si eviti quella qualità meccanica e solitamente poco comunicativa di tanta computer music.

Experiencing Mobile Images
By Bernd Hitzeroth
Thesis advisors Jan-Christoph Zoels with Ralph Ammer

Questa tesi intende esplorare nuove interazioni che valutano l’estetica e il valore comunicativo di condividere immagini sul telefono cellulare. È centrato su quattro modalità distinte di comunicazione che hanno a che fare con la condivisione di immagini. Tra questi, vi sono gesti semplici quali fare un’ombra con la mano o far scivolare una foto sul tavolo. Il porgetto offre una prospettiva sulle potenzialità del telefono cellulrare come strumento di comunicazione.

BuddyBeads
Di Ruth Kikin-Gil
Thesis advisors Simona Maschi with Heather Martin

BuddyBeads sono un sistema di gioielli-tecno che usa la telefonia mobile per poter comunicare, in maniera non-verbale, semplici atmosfere o situazioni tra membri dello stesso gruppo; per esempio comunicazioni quali ‘Sono annoiata’ o ‘Ho incontrato un nuovo ragazzo’.Ogni gruppo ha un braccialetto identico (o una collana o un cinturino) con una serie di perline dalle forme differenti, Indossare il sistema BuddyBeads rende pubblico l’appartenenza ad un gruppo preciso, ma il codice privato e le conversazioni silenziose fanno si che l’identità del gruppo sia fortemente esclusiva.

Eco-Pods
Di Erez Kikin-Gil
Thesis advisors Massimo Banzi with Philip Tabor

‘Eco-Pods’ è un sistema d’interfaccia tangibile per utenti che simula la crescita di un fiore. E’ composto da un progetto principale, Power Eco-Pod e da tre progetti di ricerca più piccoli, Mini Eco-Pod, Light-Wall, and Eco-Sim. Power Eco-Pod è un programma gioco sostenuto da due ‘pods’ che si integrano in qualsiasi computer. Tramite questo gioco, i bambini possono comprendere i fenomeni complessi della natura.

Urbanseeder
Di Maya Lotan with Ofar Luft
Thesis advisors Heather Martin with Yaniv Steiner and Lavrans Løvlie

Urbanseeder è un servizio di ‘flirting’ alternativo che aumenta le tue possibilità di incontrare sempre nuove persone attraenti. Usando al minimo la tecnologia digitale, il gioco si svolge in uno spazio reale usando oggetti fisici. E’ un tentativo di preservare lo spirito del ‘flirting’ e di utilizzare la tecnologia in una maniera che possa integrarsi nella nostra vita urbana.

Tè-per-te
Di Patray Lui
Thesis Advisors Simona Maschi with Yaniv Steiner

Tè-per-te è sia un monitor che controlla la salute in maniera olistica sia un consulente che provvede a dare il tè più adatto alla persona. Quando ti avvicini a Tè-per-te, il suo tappettino e I suoi sensori visuali misurano il peso e l’altezza. Mettendo una mano sul piano del tavolo si misura la tua temperatura. Lo schermo ti chiede come stai. Un sistema software analizza tutti i dati, ti offre una diagnosi e suggerisce una risposta terapeutica, che include una combinazione di vari tè.

Neighbourhood Satellites
Di Myriel Milicevic
Thesis advisors Ralph Ammer with Yaniv Steiner

Neighbourhood Satellites sono degli oggetti sensitivi tenuti a mano che si attivano tramite la luce. Permettono agli utenti di monitorare il loro ambiente in una maniera divertente, combinando un’esplorazione fisica e dati dal mondo reale con un gioco virtuale. Ogni satellite controlla la qualità dell’aria, segnali cellulari e livelli di luce. I dati raccolti sono poi presentati in tre maniere diverse.

Pronto? I’m Almost There
Di Öznur Özkurt
By Jan-Christoph Zoels with Simona Maschi and Pär Heyden

Pronto è un sistema di navigazione per guidatori d’auto. Raccoglie i dati provenienti dalle varie agendine del guidatore e li usa per semplificarne l’interazione. Pronto può pianificare la rotta, offrire aggiornamenti sul traffico e sintonizzare il proprio canale di comunicazione per dare priorità al contatto che bisogna raggiungere, ai contatti successivi e a tutta la lista di contatti. L’interfaccia include un touch-screen, ‘Head Up Display’ visualizzazione sul finestrino ed un cruscotto con un display.

Peripheral Needs
Di Christian Palino
Thesis advisors Jan-Christoph Zoels with Neil Churcher and Philip Tabor

Un set di oggetti che permettono a coloro che soffrono di ossessioni compulsive di poter soddisfare le proprie compulsioni.Tramite i principi del design e tecniche simili a quelle applicate ai bisogni più comuni, la progettazione per bisogni particolari sottolinea come questi bisogni siano egualmente validi. Più in generale, sottolinea l’abilità del design di avere una certa peso nel trasmettere e tramandare idee di responsabilità sociale.

Deal Me In
Di Simone Pia
Thesis advisors Heather Martin with Simona Maschi

Deal Me In è un progetto che sostituisce la tastiera del computer con una ‘tangible user interface’ (TUI)ed una metafora riconoscibile dagli anziani: giocare a carte. Deal Me è una scatola contenente dei dischetti di plastica simili alle chips ad poker, ciascuno rappresentante un mese o un anno, due pacchi di carte ed un tavolino piegevole simile a quello per il blackjack. Un pacco di carte viene usato per raccogliere le foto in vari album, l’altro pacco invece modifica questi album, stampa le foto ecc.

EasyTech SafeTrek
Di Anurag Sehgal
Thesis advisors Heather Martin with Yaniv Steiner

EasyTech SafeTrek è un sistema composto da vari oggetti modulari per scalatori.Ciascuno ha una sua funzione: telefonia, fotografia, localizzazione dei siti, sistema di pre-avviso per le valanghe. Un mini computer dotato di una sola batteria raccoglie tutte queste funzioni insieme (sia con cavi sia senza cavi).Questi elementi sono tutti indossabili, distributi in varie parti del corpo, in particolare nelle tasche attaccate ad un pezzo centrale che si attacca al busto.

Exploring the Content Network
Di Thomas Stovicek
Thesis advisors Ralph Ammer with Neil Churcher

Exploring the Content Network è un ‘screen-based’ sistema di software ed un sistema di hardware composto da varie interazioni tra diversi oggetti. Questi sono manipolati fisicamente e diverse parole chiave vengono usate per permettere un accesso più intuitivo e naturale al materiale – sia testo che foto che video ecc. Nel futuro i nostri oggetti elettronici saranno tutti collegati tra di loro e il contenuto digitale sarà accessibile ogni qualvolta che ne avremo bisogno. Avremo così ancora più materiale da controllare. Questo progetto guarda a nuove maniere in cui accedere, visionare e filtrare tutta quest’ informazione.

InstantShareCam
Di Akemi Tazaki
Thesis advisors Jan-Christoph Zoels with Philip Tabor

InstantShareCam è progettato per un futuro prossimo in cui ci saranno dei networks wireless broadband. Si tratta di un’applicazione hardware e di un software che permette a gruppi di persone, ciascuno con la sua macchina da presa, di filmare e montare video in una maniera collaborativa ed improvvisata. Semplici controlli sulla macchina da presa ed un’interfaccia intuitivo sullo schermo permette a cisacuno di vedere quello che l’altro sta facendo e decidere quale macchina da presa è quella principale.

Mus~ync
Di Haraldur Unnasson
Thesis advisors Neil Churcher with Yaniv Steiner

Mus~ync è un’interfaccia musicale che giocosamente ti ricompensa emettendo un suono ‘giusto’ quando fai un azione corretta e viceversa. Per esempio durante un’azione quotidiana come lavare i denti, cucinare o guidare. Mus-ync legge I tuoi movimenti tramite dei sensori e suona il tuo brano preferito scelto dal tuo archivio musicale.

Design Improv
Di Nathan Waterhouse
Thesis advisors Neil Churcher with Heather Martin and Philip Tabor

Design Improv è un servizio che può essere usato da società di design ed aziende per facilitare il porcesso di progettazione. Usa tecniche simili al teatro d’improvvisazione, una forma specializzata di performance dove gli attori improvvisano I loro ruoli basandosi su alcune regole e poi li adattano a secondo di come procede la trama. Questo servizio è rappresentato da un ‘facilitatore’ (o un maestro di ceremonie) che viene assunto solo per il periodo breve del progetto, in particolare modo quando ci sono dei gruppi grandi- che magari includono utenti e clienti- e c’ è bisogno di una coordinamento veloce.

 
Ufficio Stampa:

Sara Manuelli
[email protected]
0125 422 148
335 1035604
www.interaction-ivrea.it


Exit
vedi foto

Annual Event 2005
Exit
visita la "Gallery"